Il Portale italiano per le persone con i capelli Rossi.

Erica Ziani: la naturalezza del sentirmi Rossa

Mi chiamo Erica e ho 27 anni. 
Nella vita lavoro nel sociale e spazio con disinvoltura tra il carcere, le scuole e le performance in LIS. Amo lo sport, pratico pugilato e acrobatica aerea. Mi piace scrivere, viaggiare, cucinare, leggere, scoprire e raccontare tutto ciò che ha una storia dietro di sè.

1. Come vivi il tuo essere rossa?

Il mio essere rossa mi piace. Non l’ho mai vissuto come una cosa negativa e a maggior ragione oggi, ne sono orgogliosa. È una caratteristica particolare della mia persona, mi identifica, e trovo rappresenti bene il mio carattere. Definisce chi sono, non potrei mai vedermi con un altro colore di capelli.

Senza contare che poi è un bel colore, ramato ma non troppo, con riflessi biondi, ma non troppi. Tante persone mi chiedono se questo è proprio il mio colore naturale, e dicono che è bellissimo. Dentro di me rido, mi viene da dire “ah ah io ce l’ho e tu no!” 😉

2. Il tuo vissuto era uguale da adolescente rispetto ad ora?

Tendenzialmente sì. Non mi ha mai creato problemi. Avevo i capelli rossi e la mia amica li aveva biondi, punto. Non l’ho mai vissuta come una diversità. Da ragazzina poi avevo il pallino di voler provare la tinta nero corvino (per fortuna non l’ho mai fatta!) ma questa è un’altra storia, non era certo per coprire o nascondere il mio colore naturale.

Erica Ziani.

3. Per te è un tratto distintivo o è solo un colore di capelli?

È il mio colore di capelli, sì forse un pochino mi distingue pensandoci bene.

4. Che tipo di accortezze mediche prendi a causa del tuo fototipo?

Sinceramente. Nessuna. Sono immensamente pigra e disattenta su queste cose. Per fortuna non ho nei e ho poche lentiggini, più che altro sulle spalle. Sto imparando adesso ad usare creme solari protettive quando mi espongo al sole, prima non facevo nemmeno quello.

Ecco, chi legge non faccia come me, perché ne pagherò care le conseguenze!

Erica -Ziani

5. Ti piacerebbe avere bambini rossi?

Se dovessi scegliere preferirei colori scuri, mediterranei, perché incontrano di più il mio gusto personale, ma dovessero avere i capelli rossi, perché no, sarei felice.

6. Sei mai stata vittima di pregiudizi o atti di bullismo?

Assolutamente no. Per fortuna. Curiosità sì, specialmente da bambina, i miei compagni di scuola mi toccavano i capelli per capire cosa avessero di strano. Una volta constatato che non avevano nulla di anomalo, ma erano esattamente come i loro, il discorso finiva lì. Non ho mai vissuto male questa cosa, anzi, ho sempre apprezzato la voglia di capire e conoscere qualcosa che all’apparenza poteva sembrare diverso. Poi c’è da dire che in classe eravamo in due ad avere i capelli rossi, e questo la rendeva una cosa meno “straordinaria”.

7. In cosa ti senti unica?

Non mi sento unica per il colore dei miei capelli, mi sento semplicemente me stessa, nei miei pregi, difetti e particolarità. E i capelli rossi sono una parte di me.

Psicologa Turistica e Viaggiatrice. Imprenditrice on line. Credo nel potere di viaggi, di internet, credo che i sogni si trasformino in progetti e che i rossi abbiano una marcia in più.
Posts published: 59

One comment

  1. Carola ha detto:

    Dipende molto dal contesto. Quando sei l’unica del paese dove vivi e anche della tua famiglia… E soprattutto quando il tuo colore è davvero raro in se’, cambia tutto. Prese in giro? Sì, molte ma da bambina e poi magicamente intorno ai 15 anni tutto diverso: l’anatroccolo “strano” diventa un cigno. Io sognavo un bel castano medio, che fosse sufficientemente anonimo. Per fortuna non ho mai cambiato il colore dei miei capelli. Sono un segno di distinzione ma soprattutto ci ho fatto l’abitudine. Non sarei più io!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trovami sui Social
Seguici su Facebook

Tagga le foto con #noirossi
Ultime da Twitter
Copyrights © 2015-2016 noirossi.it. All Rights Reserved.